Non è realistico che tutti possano affrontare immersioni molto aggressive, in condizioni da assalto. Technical Diver 2 porta al limite l'immersione in circuito aperto e presuppone lo sviluppo di abilità fuori dal comune per tirare fuori il massimo dal bibombola e dalle stage bottles. Alla fine di un'addestramento durissimo viene costruita e consolidata l'eccellenza dell'immersione, la risalita. Il vero gesto atletico dell'immersione, dove sono esaltate le abilità, tecniche, formali e fisiche è la risalita. Generalmente tutti sono in grado di sprofondare alla meno peggio sul relitto, ma solo pochi sono in grado di risalire in superficie in modo efficiente ed elegante integrandosi perfettamente nel mare e nella colonna d'acqua. La tendenza è quella di attribuire una sorta di superiorità del cave diving rispetto al wreck diving pensando che l'ambiente ostruito sia qualcosa di più impegnativo rispetto al mare, alla colonna d'acqua, al vuoto. In realtà, la mancanza del fondo o della parete presuppone un superiore controllo e consapevolezza della posizione e soprattutto della profondità. Tutto questo senza supporti di qualsiasi genere, anche senza la cima di risalita e dovendo gestire fino a 4 stage bottles, riconfigurando l'attrezzatura in acqua numerose volte. Non ci sono stazioni di decompressione, non ci sono bombole parcheggiate sulla sagola, non ci sono rocce o pareti, c'è solo l'acqua. In questo scenario estremo dove tutto è riportato alla realtà arcaica e crudele il sommozzatore dovrà gestire complicati profili di risalita che prevedono fino a 3 deco gas e contemporaneamente mantenere il controllo del team della direzione e dell'evoluzione del mare. Non è un corso per tutti e le motivazioni devono essere sane e genuine in modo che ci sia un solida determinazione. Inoltre vengono richieste capacità fisiche importanti, che presuppongono una preparazione atletica strutturata in una combinazione di allenamento aerobico e anaerobico. Questo è richiesto dalla mole di attrezzatura da gestire in superficie che necessita forza nelle spalle, braccia e gambe, mentre in immersione, con runtime di 180 minuti, è necessaria una prestazione quasi da maratoneta.

Il corso si svolge in 6 giorni full immersion, che prevede almeno 4 immersioni a bassa profondità dove vengono confermate la abilità del Technical Diver 1, ma con bottom stage e secondo gas deco. Successivamente viene sviluppata la gestione di stage bottles multiple, come: sequenze, rotazioni, gas switch e gas break, inizialmente con due deco gases successivamente con tre deco gases. Inoltre il corso prevede prove a secco ed almeno 30 ore di teoria in cui verranno affrontati argomenti come gestione avanzata della scorta di gas, decompressione e fisiologia, strategie decompressive, contingenze, dive planning, logistica, procedure operative, fisica, tossicità dell'ossigeno, narcosi, strategie di utilizzo dell'ossigeno e dell'elio, gas blending.

L'addestramento è finalizzato alle immersioni nel range dei 75 m con una esposizione alla deco max di 60 minuti, mediante l'utilizzo della bottom stage e fino a tre deco gases. I gas utilizzati sono trimix 18/45, 15/55, 12/60 mentre per la decompressione la combinazione di tre gas tra: ossigeno puro, Nitrox 50, trimix 35/25 e 21/35.

Calendario Eventi

loader

Shadow Divers Society

Diving School

Get in Touch!

Angelo Colla
Via Alvise da Mosto, 4
30016 Jesolo (VE)
Italy

Telephone: (+39) 349 654 87 43 
Email: angelocolla@libero.it
Website: www.shadowdivers.it

Join our Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per tutte le ultime notizie e informazioni

 

Newsletter inviata da MailChimp.

Portfolio Highlights